CONTRIBUTI IN REGNO UNITO DOPO LA BREXIT

a cura di Marco Perelli Ercolini

L’Inps con la circolare n.16/2020 precisa che i contributi versati nel Regno unito sino al 31 dicembre 2020 da cittadini Italiani, comunitari o appartenenti allo spazio economico SEE potranno continuare ad essere utilizzati sia per il diritto che per la misura delle pensioni nonchè per le altre prestazioni previdenziali, mentre per i contributi versati dopo il 2021 rimane incerta la validità in mancanza di un quadro giuridico.

pubblicato il 13/02/2020