CONSULTA AMMETTE PRELIEVI SU ASSEGNI PER MOTIVI DI SOLIDARIETA'

Il contributo di solidarietà sulle pensioni "d'oro" «può ritenersi misura consentita al legislatore ove non ecceda i limiti del combinato operare dei canoni di ragionevolezza, affidamento e tutela previdenziale». Con queste parole nella sentenza 173/2016 la Corte Costituzionale apre alla possibilità che provvedimenti successivi decurtino pensioni già in essere per motivi di "equità". Ancora nella sentenza 316 del 5 giugno 2013 la Consulta aveva bocciato il contributo di solidarietà del 5% sui redditi e le pensioni eccedenti i 90 mila euro introdotto dal governo Letta per il triennio 2011-13. A dicembre 2013 però il governo Renzi ha reintrodotto per il triennio 2014-16 il prelievo con la legge 147, nei confronti delle pensioni (e non anche dei redditi) oltre 14 volte il minimo Inps, con le seguenti...

Leggi per intero su Comunicati

pubblicato il 19/07/2016