... E BOERI CONTINUA A SPROLOQUIARE

La Federspev si scaglia contro le dichiarazioni del piano dell'Inps targate Tito Boeri. < è impensabile prevedere prelievi sulle 250 mila pensioni cosidette  d'oro, dalle tasche di chi ha lavorato per una vita e non chiede nulla se non ciò che gli spetta > sono le parole di Michele Poerio, Presidente Nazionale della Federspev  ( federazione rappresentativa di oltre 20 mila medici farmacisti veterinari in quiescienza e loro superstiti. E' uno scandalo mettere le mani nel portafoglio di noi pensionati, con costi sociali non indifferenti e non equi e la Federspev si opporrà in tutte le sedi giurisdizionali nazionali ed europee, se il Governo dovesse condividere queste insane ipotesi, anche perché il progetto finale del bocconiano punta a ricalcolare  le pensioni da 2000 - 3000 € lordi mensili Presidente INPS> continua Poerio <deve essere richiamato a svolgere i compiti di carattere amministrativo e le funzioni organizzative di controllo degli uffici proprie della carica di cui è investito (anche alla luce dei recenti scandali dell'istituto) come esattamente previsto e definito dalla Legge 88/1989 e dal DPR 639/1970, senza sconfinamenti in ambiti che appartengono invece al dibattito politico. Finirà il nostro bocconiano a farci rimpiangere Mastrapasqua ?>

Michele Poerio

Roma 6 Novembre 2015